top of page
  • Immagine del redattorePasquale De Vita

quali sono le migliori marche di infissi? 3 consigli per la scelta

Aggiornamento: 15 mag 2020





PRESENTAZIONE


Mi presento: mi chiamo Pasquale De Vita e lavoro nel settore dei serramenti dal 2005. Questa lunga esperienza mi definisce quale punto di riferimento nel settore dei serramenti.

La passione e la costante dedizione che impiego quotidianamente nel guidare tecnici e clienti nella scelta e nella progettazione del sistema di posa, così come nell’individuazione del prodotto più adatto alle loro esigenze, è il carburante che alimenta l’amore per il mio lavoro.


Premessa

cosa tratteremo in questo articolo:


- SCELTA DEL MATERIALE

- MIGLIORI MARCHE

- CORRETTA POSA IN OPERA

- COSTI


1) Primo consiglio: La scelta del materiale.


pvc, legno o alluminio?


“Tutta la storia dell’architettura ruota esclusivamente attorno alle aperture nei muri”, scriveva un grande architetto agli inizi del ‘900. Cosa vuol dire? Semplicemente che la finestra è, da sempre, un elemento centrale nella costruzione di un edificio. Di conseguenza, lo è anche per la vita di coloro che abiteranno quell’edificio.

La finestra è certamente parte integrante del nostro quotidiano. Pensiamo di conoscerla bene, in ogni suo dettaglio, di saperne tutto. Ma, vi assicuro, non è affatto banale o scontato interrogarsi su di essa. Soprattutto quando si è in procinto di fare un acquisto, o sostenere la spesa (spesso onerosa) per infissi e serramenti.


Devi sapere che molteplici fattori influiscono sull’efficienza dei nostri infissi, rendendo molto più adatte alcune tipologie di serramenti rispetto ad altre a seconda della zona in cui viviamo e alle condizioni climatiche a cui saranno sottoposti. Quale materiale fra legno, PVC e alluminio è più adatto nella zona in cui viviamo, in termini di isolamento termico e acustico?


In un precedente articolo del nostro blog ( che ti consigliamo di leggere per avere una panoramica completa dei materiali: https://www.guidainfissi.com/finstral-garofoli-blog-avellino/infissi-in-pvc-o-alluminio-qual-è-il-materiale-migliore ) ci siamo già occupati dei pro e dei contro nella scelta del materiale dei tuoi infissi. Qui, oltre ad invitarti alla lettura della precedente guida, vogliamo darti i principali parametri di valutazione per capire quali sono gli infissi migliori per te.


Prima di scegliere il materiale, però, è importante porre attenzione sulle prestazioni che si vogliono avere dalla finestra, perché il valore di un serramento, aldilà del materiale, è dato dalle sue caratteristiche in rapporto a dove vivete. Ad esempio, chi vive in una zona a traffico elevato avrà esigenze diverse (isolamento acustico) rispetto a chi vive in aperta campagna (isolamento termico), così come, allo stesso modo, chi vive in Valle d’Aosta rispetto a chi vive in Sicilia!


Pertanto è fondamentale stabilire sin dall’inizio quali prestazioni si vogliono ottenere anche in relazione al contesto in cui si trova la casa, e solo alla fine scegliere il materiale più adatto. Le principali prestazioni della finestra sono le seguenti:


1) tenuta all’aria, all’acqua e al carico del vento 2) isolamento termico 3) isolamento acustico 4) sicurezza 5) funzionalità


I serramenti possono essere realizzati in diversi materiali; tra i più utilizzati ci sono, come già detto, il legno, l’alluminio e il PVC.

Mettendo sullo stesso piano queste prestazioni, la soluzione che ha il miglior rapporto qualità/prezzo è il PVC.



Se si vuole invece un infisso in alluminio o in legno a taglio termico bisognerà investire di più. Con taglio termico si intende una modalità costruttiva degli infissi che fa riferimento a quei profilati le cui due sezioni (quella che dà verso l’interno e quella che dà verso l’esterno) sono isolate per evitare ponti termici strutturali, rendendo il serramento termicamente (e acusticamente) inefficiente. I due elementi, dunque, vengono separati da un elemento a bassa conduttività termica, precauzione indicata per le finestre in materiali metallici.



Il legno è apprezzabile per il pregio e per l'aspetto naturale, in grado di donare calore ed eleganza; è un ottimo isolante termico e acustico, disponibile in tante essenze differenti: pino rovere, betulla, ecc. Di contro richiede cura e manutenzione.





L'alluminio è resistente agli agenti atmosferici e durevole. Presente in diverse tipologie (anodizzato, ossidato o verniciato), è molto versatile. La pecca è che si tratta di un conduttore naturale, e questo non lo rende un materiale adatto per l'isolamento termoacustico.



Il PVC è il materiale più adatto per evitare la dispersione termica ed è dotato della rigidità che assicura il valore nel tempo degli infissi.
Legno-PVC: questa combinazione è una sintesi tra la naturalità del legno per l'interno e l'adattabilità del PVC all'esterno, che richiede poca manutenzione e offre un'elevata protezione degli agenti atmosferici.
Legno-alluminio: è la combinazione giusta per chiama la bellezza del legno ma non la sua usura nel tempo, problema che si risolve proprio annettendo un profilo di alluminio esterno che protegge l'infisso dagli agenti atmosferici.


La scelta tra legno, PVC e alluminio, quindi, dipende moltissimo da una combinazione di estetica – quale carattere si vuole dare agli ambienti – durabilità, e in questo senso gli infissi metallici danno il massimo, e un occhio al portafoglio, dove il PVC generalmente è la soluzione più economica. L’importante è configurare e installare i serramenti nel modo più corretto.


Le marche migliori

Tra le marche migliori che puoi trovare sul mercato degli infissi, possiamo segnalarti:


PVC/LEGNO/ALLUMINIO: FINSTRAL.



LEGNO E LEGNO/ALLUMINIO: Campesato.



In particolare, per le PORTE: Garofoli.



2) Secondo consiglio: la corretta posa in opera

Come verranno installati nella nostra abitazione gli infissi?


Le finestre (e le portefinestre) sono sempre realizzate su misura e quindi non esistono misure standard nella produzione di serramenti. La posa è importantissima, perché potrebbe vanificare tutte le caratteristiche isolanti che ci hanno fatto scegliere un prodotto rispetto ad altri! È NECESSARIO ASSICURARSI CHE SI TRATTI DI UNA POSA IN OPERA CERTIFICATA.


La posa in opera rappresenta perciò un momento di estrema importanza. Essa non solo è un compito essenziale affinché il prodotto sia completamente funzionale; il processo di installazione, le prestazioni dei sistemi di posa, gli aspetti progettuali del giunto di posa e l’analisi dei diversi materiali di consumo impiegati rappresentano diversi aspetti che, insieme, permettono di ottenere risultati ottimali.



Se posata male, infatti, la finestra non garantisce isolamento termico, acustico, ecc. Posare una finestra in modo scorretto permette la penetrazione di freddo, rumore, e altri agenti atmosferici.

Esistono decine di certificazioni sulla posa in opera, una della più importanti è la certificazione dell’istituto IFT di Rosenheim. Se volete avere la certezza di ottenere i risultati che il serramento vi promette, affidatevi alle aziende certificate (IFT o equivalenti).




3) terzo consiglio: Il costo degli infissi



I costi di un serramento in legno vanno da € 300 a € 500 al mq., quelli in alluminio da € 600 a 800 al mq e quelli in Pvc da € 200 a € 400 al mq e dipendono dalla dimensione, dal tipo di apertura (quelli a scorrimento hanno costi superiori) e dalle caratteristiche prestazionali della finestra stessa.

Il consiglio è di non guardare soltanto ai costi ma verificare che le caratteristiche di ogni elemento siano dichiarate dai produttori in una tabella che segue le singole normative e che i serramenti siano dotati di marchiatura CE.



CONCLUSIONI


L’acquisto di nuove finestre per le nostre abitazioni rappresenta una scelta importante e di grande valore che dobbiamo sostenere poche volte nell’arco della nostra vita.

Acquistare nuovi serramenti non è equiparabile all’acquisto di un auto, di una tv o di altri beni di consumo che avranno sicuramente una durata inferiore nel tempo. Gli infissi sono indispensabili elementi che all’interno delle nostre case ci separano dall’esterno, ci proteggono dal freddo, dalle intemperie, dall’afa e dai malintenzionati.

Detto questo, la scelta di nuovi serramenti è una scelta molto importante e delicata perché potremmo rimanere delusi dalle strabilianti prestazioni che il venditore di turno aveva proclamato prima di venderci le nostre finestre, e questo a causa della nostra poca conoscenza del settore. A tutti coloro che stanno valutando la possibilità di sostituire gli infissi è rivolta la guida qui esposta che ha cercato di fare chiarezza sugli aspetti fondamentali che porteranno alla fatidica decisione, in modo da essere pienamente soddisfatti del nuovo acquisto.


Spero con questo articolo di aver chiarito tutti i tuoi dubbi.
SE L’ARTICOLO TI È PIACIUTO, TI INVITIAMO A METTERE MI PIACE ALLA PAGINA FACEBOOK GuidaInfissi Pasquale De Vita PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE PROSSIME GUIDE.



PER TROVARE ALTRE INFORMAZIONI UTILI, TI CONSIGLIAMO DI LEGGERE ANCHE I SEGUENTI ARTICOLI:


-INFISSI IN PVC O ALLUMINIO, QUAL'E' IL MATERIALE MIGLIORE? https://www.guidainfissi.com/finstral-garofoli-blog-avellino/infissi-in-pvc-o-alluminio-qual-è-il-materiale-migliore ;

-I SERRAMENTI IN PVC SONO DAVVERO CANCEROGENI? https://www.guidainfissi.com/finstral-garofoli-blog-avellino/i-serramenti-in-pvc-sono-davvero-cancerogeni .


482 visualizzazioni