top of page
  • Immagine del redattorePasquale De Vita

INSTALLARE FINESTRE COME FAREBBE UN PROFESSIONISTA: UNA GUIDA


PRESENTAZIONE


Mi presento: mi chiamo Pasquale De Vita e lavoro nel settore dei serramenti dal 2005. Questa lunga esperienza mi definisce quale punto di riferimento nel settore dei serramenti.

La passione e la costante dedizione che impiego quotidianamente nel guidare tecnici e clienti nella scelta e nella progettazione del sistema di posa, così come nell’individuazione del prodotto più adatto alle loro esigenze, è il carburante che alimenta l’amore per il mio lavoro.


Premessa

Di cosa tratteremo in questo articolo? Una breve anteprima.


In questo articolo, cercheremo di spiegare come montare una finestra.

Questa operazione richiede tecniche avanzate e molto impegnative: tenteremo di farti capire come montare una finestra nel modo corretto, dalla posa del controtelaio (primo passo) fino alla rifinitura (ultimo passo).

Attenzione, però, se vuoi mantenere le prestazioni per cui un serramento è stato progettato, non ti consigliamo di installare un serramento fai da te, ma di affidarti ad un professionista!

Leggi fino in fondo per saperne di più.



Come montare una finestra?



La posa in opera del serramento è l’operazione installazione e di montaggio della tua finestra; è più importante di quanto pensi: incide infatti per il 70% sulla performance di una finestra in termini di isolamento e durabilità.

Posare una finestra in modo scorretto permette infatti la penetrazione di freddo, rumore, e altri agenti atmosferici.

Come fare per sapere se un’azienda monta le finestre in modo corretto oppure no?!

Esistono delle certificazioni che ti permettono di verificare se un’azienda è qualificata o no (ad esempio, la certificazione IFT di Rosenheim).

Puoi verificare così che l’azienda da cui acquisti i serramenti sia certificata.



Montaggio finestra in PVC


Scegliere gli infissi in pvc può rivelarsi una scelta molto importante, sia per il grande risparmio energetico che garantisce questo prodotto, sia per la totale riciclabilità delle finestre e dei loro componenti che ci porta ad avere più attenzione e rispetto per l’ambiente in cui viviamo, evitando così di inquinarlo ulteriormente e lasciare alle generazioni future un posto migliore in cui vivere.

È inoltre importante aver montato gli infissi giusti perché essi ci aiutano a mantenere la temperatura costante all’interno di una stanza senza che ci siano dispersioni di calore in inverno e del fresco in estate.


Il montaggio di una finestra in PVC non è affatto cosa semplice e non è assolutamente adatto per i non professionisti del settore.

Vediamo, schematicamente, i passi da seguire per installare la finestra.

1. Inserire il controtelaio

2. Fissare il controtelaio tramite l’inserimento viti Torx direttamente in muratura

3. Inserire schiuma fra muro e telaio

4. Inserire del nastro auto-espandente nella parte inferiore del telaio della finestra

5. Appoggiare il telaio al controtelaio

6. Inserire altre 12 viti Torx per fissare il telaio al controtelaio e alla muratura

7. Inserire della schiuma poliuretanica intorno al telaio

8. Inserire fasce di rifinitura per nascondere la schiuma

9. Inserire le ante sul telaio

10. Sigillare la parte interna della finestra con dell’acrilico

11. Sigillare la parte interna della finestra con del polimero



Quella che sembra essere un’operazione piuttosto semplice, in realtà nasconde molte difficoltà, ed è per questo che ti consigliamo di affidarti ad un professionista.

Continua a leggere per conoscere, in modo un po’ più dettagliato, il procedimento e l'occorrente per fare questa operazione.



Cosa mi occorre?


Per montare un serramento o installare una finestra bisogna predisporre alla mano gli attrezzi necessari:

  • una livella

  • metro

  • filo a piombo

  • squadrette

  • martello

  • scalpelli da muratore e da falegnameria

  • zeppe di legno

  • bomboletta di poliuretano espanso

  • stucco cemento a presa rapida e cazzuola




Montaggio infissi in PVC: come fare


Nell’installare una finestra o montare un serramento si mettono a contatto due manufatti, il telaio del serramento ed il muro. Poiché le due superfici in genere non coincidono perfettamente, la posa in opera deve necessariamente tenere conto delle lievi imperfezioni e compensarle mediante l’idoneo utilizzo di utensili e materiali vari come le schiume di poliuretano espanso.

L’approccio all’installazione è necessariamente diverso se si tratta di nuova costruzione o se invece si deve sostituire un serramento preesistente nell’ambito di una ristrutturazione.

  • Per le nuove costruzioni si ricorre generalmente all’utilizzo dei cosiddetti falsi telai. Si tratta di telai sia di legno che metallici che vengono murati durante la fase della costruzione in modo da avere un’apertura più regolare su cui, in seguito, si potrà procedere a montare agevolmente il serramento. Il falso telaio deve già prevedere le caratteristiche del serramento che verrà montato successivamente (eventuali zanzariere, tapparella o altro).

  • Per quanto concerne invece le ristrutturazioni, occorre rilevare con precisione e accuratezza le misure e le caratteristiche del serramento esistente e di quello che andremo a sostituire. In questi casi non si effettuano normalmente opere murarie, ma si cerca di ottenere una ‘corrispondenza’tra il vecchio telaio ed il nuovo serramento per poter montare quest’ultimo in modo agevole. Gli spazi verranno poi chiusi con i coprifili sia interni che esterni.


Esistono quindi almeno 2 tipologie fondamentali di posa in opera:


1 Quando l’infisso nuovo dovrà essere posato sul controtelaio.


In questo caso sarà necessario avere installato prima, sulla muratura, un controtelaio termico realizzato in materiali quali il Legno e il Pvc, avendo cura di sigillarlo in maniera idonea con la muratura e preoccupandosi che abbia il 4° lato realizzato anch’esso in materiale isolante, per poter cosi evitare i ponti termici nella parte inferiore (che si trova tra la soglia e il pavimento). Andrà installato anche un profilo portaintonaco, per nascondere la spalla e la battuta del controtelaio ed avere una resa estetica migliore, impedendo il fenomeno delle spaccature, filature e fessurazioni degli intonaci.


Successivamente, su di esso andrà accostato l’infisso. Lo spazio tra il controtelaio e l’infisso andrà sigillato con materiali adatti a garantire la tenuta all’acqua, all’aria ed al vento al fine di garantire alla finestra il mantenimento delle prestazioni certificate. Per la posa degli infissi quindi bisognerà utilizzare materiali quali Nastri termo-espandenti, Nastri in schiuma PVC, Sigillante adesivo ad elevatissima elasticità, Schiuma monocomponente quando necessaria e Barriere al vapore.


Controtelaio e schiuma devono essere coperti con un coprifilo universale, che viene incollato con adesivo MS Polimero ad “effetto ventosa” adatto per il PVC.

Da non dimenticare l’ultimo passaggio, ovvero il fissaggio della maniglia che avrà uno stile e una colorazione adatta a seconda dell’infisso che si è scelto.



2 Quando l’infisso nuovo dovrà essere posato sulla vecchia finestra durante una ristrutturazione o manutenzione straordinaria/ordinaria o semplice sostituzione in assenza di opere murarie.


In questo caso si opera sulla muratura esistente con tecniche e prodotti certificati e garantiti, rimuovendo il vecchio infisso se di materiale ferroso o di alluminio, o ridotto di volume se si tratta di legno; andrà praticato sul marmo e sul vecchio controtelaio (se è di lamiera), un taglio per tutta la sua lunghezza, al fine di creare un giunto termico che impedisca alla soglia ed al metallo di fare da calorifero in estate e da diffusore di freddo in inverno.

Poi si procede con l’installazione dell’infisso sulla muratura ripulita dai detriti e dalla polvere utilizzando sempre i materiali sopracitati per la sigillatura, integrati con altri prodotti più adatti alla sostituzione nella condizione di restauro. In questo caso potrebbe rendersi necessario, dove previsto come sistema oscurante, l’isolamento del vecchio cassonetto con materiali isolanti e coibentanti per eliminare i rumori e gli spifferi.


Il nostro consiglio è comunque quello di avvalersi sempre di professionisti del settore!

Spero con questo articolo di aver chiarito tutti i tuoi dubbi.


SE L’ARTICOLO TI È PIACIUTO, TI INVITIAMO A METTERE MI PIACE ALLA PAGINA FACEBOOK GuidaInfissi Pasquale De Vita PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE PROSSIME GUIDE.

Ti consigliamo di leggere anche:


TERMINI E CONDIZIONI

Il contenuto, le informazioni e tutto quanto pubblicato in questo documento hanno esclusivamente scopo informativo. Il contenuto di questo documento così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati sono di esclusiva proprietà dell’autore e sono protetti dalle leggi italiane ed internazionali a tutela dell’autore. Ogni diritto sul presente lavoro è riservato ai sensi della normativa vigente. Il documento potrebbe inoltre contenere opinioni e pareri dell’autore, che non assumono carattere probatorio e in alcun modo vincolante e restano considerazioni personali sulle informazioni tratte. Le informazioni riportate sono fornite senza alcuna garanzia esplicita o implicita di alcun tipo. L’autore non si assume alcuna responsabilità per eventuali errori o omissioni di alcun tipo e per qualsiasi tipo di danno diretto, indiretto o accidentale derivante dalla lettura o dall’utilizzo delle informazioni pubblicate, o per qualsiasi forma di contenuto presente nel documento. Il presente documento ha l’esclusivo obiettivo riportato in precedenza e non può in nessun modo divulgato, anche solo in parte, senza previa autorizzazione scritta dell’autore e non può essere esibito ad alcun titolo, tanto meno in giudizio.

4.450 visualizzazioni

Commentaires


bottom of page