top of page
  • Immagine del redattorePasquale De Vita

FINESTRE & FAI DA TE: REGOLARE LE CERNIERE DELLE ANTE; AGGIUSTARE UNA PORTA-FINESTRA.

Aggiornamento: 15 nov 2020


PRESENTAZIONE


Mi presento: mi chiamo Pasquale De Vita e lavoro nel settore dei serramenti dal 2005. Questa lunga esperienza mi definisce quale punto di riferimento nel settore dei serramenti.

La passione e la costante dedizione che impiego quotidianamente nel guidare tecnici e clienti nella scelta e nella progettazione del sistema di posa, così come nell’individuazione del prodotto più adatto alle loro esigenze, è il carburante che alimenta l’amore per il mio lavoro.


Premessa

Di cosa tratteremo in questo articolo? Una breve anteprima.


Talvolta le porte o le finestre, dopo anni e anni di utilizzo, iniziano a creare piccoli problemi. Questo inconveniente, a lungo andare, non danneggia solo la porta o la finestra, ma può causare danni, nella migliore delle ipotesi solo estetici. Normalmente questo problema può essere risolto con la regolazione delle cerniere, un lavoro che richiede molta attenzione e cura. Per cerniere o cardine di una porta o di una finestra, si intendono quei perni fissati allo stipite sul quale ruotano i battenti. Le cerniere, solitamente elemento secondario di porte e finestre, sono invece uno dei componenti più importanti in quanto sono determinanti per la movimentazione.


Questa attività di manutenzione può essere demandata a un professionista, ma può anche essere fatta anche in prima persona, risparmiando così qualche euro. In questa guida indicheremo come effettuare la registrazione dei cardini anche se non si hanno particolari abilità manuali.

La nostra casa presenta allestimenti che richiedono nel tempo attenzione e soprattutto manutenzione. In questo articolo vedremo come regolare le parti meccaniche di una finestra, procedura semplice per chi ha conoscenze artigianali e manuali.

Vi spiegheremo in questa piccola guida alcuni passaggi lavorativi. Leggi fino in fondo !



■ Come regolare le Cerniere delle Ante della tua Finestra.


Manutenzione ferramenta finestre: regolazione cerniere.


In un serramento, parti meccaniche, cerniere e guarnizioni devono essere periodicamente controllate al fine di assicurare tenuta e flessibilità.

Non ci sono regole generali circa la periodicità della manutenzione: essa dipende in gran parte dall’esposizione, dall’uso e dalla destinazione delle finestre.

E’ bene comunque tenere presente che le finestre esposte a sud sono sottoposte a un degrado maggiore a causa del sole, così come quelle esposte a elevata umidità.

La scarsa manutenzione compromette la durata nel tempo e la funzionalità della finestra, mentre una prolungata assenza di manutenzione potrebbe addirittura pregiudicare la tenuta all’acqua della finestra stessa.


La manutenzione della ferramenta degli infissi risulta essere un approccio conservativo assai importante ai fini di una maggior durata e resistività nel tempo delle finestre in legno. Anche se la ferramenta è per sua natura molto resistente, con il passar degli anni tende a usurarsi e lo stesso utilizzo provoca l'allentamento delle viti di fissaggio: i controlli almeno annuali si effettuano facilmente dall'interno, così come eventuali riparazioni, da eseguire subito, per scongiurare l'eventualità di un'indesiderata deformazione dei battenti.

Le cerniere sono meccanismi di importanza fondamentale per il buon funzionamento dei serramenti, ma affinché possano continuare a svolgere correttamente la loro funzione, devono essere tenute in buone condizioni: almeno una volta all'anno, vanno lubrificate con specifici lubrificanti.






Il più delle volte, può non essere necessario rimuovere i battenti: basta spruzzare o iniettare il lubrificante lungo il bordo di contatto delle boccole delle cerniere, aspettare un paio di minuti, poi aprire e chiudere più volte il battente. Se necessario, si può ripetere la procedura eventualmente smontando il battente e spruzzando il lubrificante nella parte femmina della cerniera.





Altra situazione: non riesci a chiudere bene la finestra perché tocca nella parte inferiore?


Ti mostreremo come risolvere questo problema da solo e con una semplice chiave a brugola del 4.

Può accadere, con l’assestamento, che l’anta della tua finestra tocchi in basso e faccia fatica a chiudersi.

Come risolvere questa situazione?

1) Togli il coperchietto di plastica sulla parte inferiore;

2) Troverai un foro: inserisci una chiave a brugola da 4;

3) Ruota in senso orario (in questo modo riporterai l’anta alla giusta altezza);

4) Finita questa operazione, rimetti il coperchietto di plastica nelle sua sede.

Verificherai che la finestra si apre e si chiude nuovamente bene. Con quattro semplici mosse sei riuscito a registrare la cerniera della tua finestra che ostacolava la chiusura dell’anta.



Casi particolari


Soprattutto nelle finestre in legno, lo sfregamento dei battenti contro il telaio e le difficoltà

di apertura o chiusura possono essere causati da difetti delle cerniere.

In genere, l'usura delle boccole delle cerniere provoca l'abbassamento dei battenti: in tal

caso, basta inserire tra le boccole le apposite rondelle di ottone, così da riportare i battenti al livello corretto.

Per fare ciò, si apre la finestra, si smontano i battenti dai cardini e si infilano le rondelle sui perni; in questa maniera, le cerniere vengono irrobustite, così da sostenere correttamente il peso dei battenti durante i normali movimenti di apertura e chiusura della finestra.

In altri casi, l'allentamento delle viti di fissaggio può indurre l'inclinazione verso l'interno

dei battenti, con il conseguente blocco degli stessi: per risolvere l'inconveniente, si prova a

stringere con cautela le viti senza serrarle, onde scongiurare l'ulteriore rischio di spanare la filettatura o addirittura fessurare il legno.



■ La Porta Finestra non si chiude bene? ecco Come aggiustarla


In questa guida spieghiamo cosa fare se la porta finestra non si chiude.

Non riesci a chiudere bene la tua porta finestra perché è troppo dura, oppure è talmente ‘debole’ da aprirsi con un colpo di vento?

Magari hai deciso di investire nell’acquisto di una porta finestra con doppi vetri, per garantire la corretta tenuta della temperatura interna della casa. Poi basta un semplice colpo di vento per spalancarla, e per vanificare tutti gli sforzi che hai compiuto per proteggere la temperatura dell’ambiente. Chiaramente questo provoca anche un evitabile danno economico, visto il peso che comporta in bolletta una porta finestra che non riesce a mantenersi chiusa.



Se la tua porta finestra non rimane chiusa, o non riesce a chiudersi bene, il problema potrebbe dipendere dal meccanismo di chiusura interno. Questo è noto come click -clack, e lo trovi anche all’interno delle comuni finestre. Questo meccanismo potrebbe essersi infatti allentato, o risultare troppo duro.

Ti mostreremo come risolvere questo problema da solo e con una semplice chiave a brugola del 4.



Come regolare il “click-clack” della tua porta-finestra:

La tua porta finestra è difficile da far rimanere chiusa se l’accompagni dall’esterno?

Devi agire su questo dispositivo.

1) Apri l’anta;

2) Regola il “click-clack” con una chiave a brugola del 4: ruotando in senso orario o anti-orario rendi più morbida, o dura la chiusura del dispositivo.


Per prima cosa, quindi, dovrai aprire l’anta della finestra, per poter individuare il meccanismo click-clack , di solito si trova nella sezione in basso, sotto al meccanismo della maniglia.

Poi dovrai regolare la molla del dispositivo, agendo sul bullone che trovi in basso. Puoi farlo ruotandolo con una chiave a brugola misura 4. Procedendo in senso antiorario potrai stringere il meccanismo e renderlo più duro. Agendo in senso orario, invece, lo allenterai e di conseguenza lo renderai più morbido rispetto a prima. Ti conviene fare diverse prove, ammorbidendo o indurendo il click-clack, e verificare se la tenuta della porta migliora rispetto a prima.


Un altro problema piuttosto comune è la scorretta registrazione dell’anta della porta finestra. Quando capita, a seconda del meccanismo, la fessura tra le due sezioni della porta finestra appare più larga. Questo potrebbe accadere nella parte alta o in quella in basso. In questo caso dovrai naturalmente registrare l’anta della porta finestra.

Ti basta aprire l’anta e agire sulla vite di registrazione del meccanismo che consente l’apertura di quella porta, la cerniera. Di solito questa vite si trova posta sul lato della cerniera stessa, in alto o in basso. Anche in questo caso puoi servirti di una chiave a brugola. Dovrai ruotare la vite verso il basso, così da poterla stringere. Considera che questa operazione ti permette di chiudere in modo più performante la tua porta finestra, così da evitare fastidiosi spifferi o difficoltà nella gestione del meccanismo.


C’è un’altra parte che potrebbe essere responsabile della mancata chiusura di una porta finestra. Si tratta dei nottolini, che gestiscono appunto la chiusura dell’infisso. Spesso queste componenti sono presenti quando manca il meccanismo di click-clack.

Vediamo come devi agire per la corretta registrazione del nottolino dell’anta. Devi per prima cosa comprare una chiave specifica, o in alternativa utilizzare una pinza. Una volta agganciato il bullone del nottolino, dovrai anche in questo caso avvitarlo verso il basso. Così facendo, assicurerai alla porta finestra una chiusura perfetta. In sintesi, eviterai quegli spifferi che potrebbero causare l’uscita del calore in casa.


Già che ci sei, puoi controllare se anche gli scontri risultano essere registrati a dovere. Si tratta di quelle placche metalliche installate sulla base e sulla sommità dell’infisso. Queste consentono al meccanismo della porta finestra di serrarsi nella posizione corretta. In pratica, uno scontro allentato tende a spostarsi verso l’interno, causando una chiusura non ottimale. Se non regolato, la porta finestra non si chiude correttamente. Ti basta prendere una chiave francese e girare i bulloni in senso orario.

Ora la tua finestra resta accostata e non si apre con il primo colpo di vento!


Spero con questo articolo di aver chiarito tutti i tuoi dubbi.

SE L’ARTICOLO TI È PIACIUTO, TI INVITIAMO A METTERE MI PIACE ALLA PAGINA FACEBOOK GuidaInfissi Pasquale De Vita PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE PROSSIME GUIDE.

Ti consigliamo di leggere anche:



TERMINI E CONDIZIONI

Il contenuto, le informazioni e tutto quanto pubblicato in questo documento hanno esclusivamente scopo informativo. Il contenuto di questo documento così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati sono di esclusiva proprietà dell’autore e sono protetti dalle leggi italiane ed internazionali a tutela dell’autore. Ogni diritto sul presente lavoro è riservato ai sensi della normativa vigente. Il documento potrebbe inoltre contenere opinioni e pareri dell’autore, che non assumono carattere probatorio e in alcun modo vincolante e restano considerazioni personali sulle informazioni tratte. Le informazioni riportate sono fornite senza alcuna garanzia esplicita o implicita di alcun tipo. L’autore non si assume alcuna responsabilità per eventuali errori o omissioni di alcuno tipo e per qualsiasi tipo di danno diretto, indiretto o accidentale derivante dalla lettura o dall’utilizzo delle informazioni pubblicate, o per qualsiasi forma di contenuto presente nel documento. Il presente documento ha l’esclusivo obiettivo riportato in precedenza e non può in nessun modo divulgato, anche solo in parte, senza previa autorizzazione scritta dell’autore e non può essere esibito ad alcun titolo, tanto meno in giudizio.

22.672 visualizzazioni

Σχόλια


bottom of page